S’i’ fosse foco…

LXXXVI (S’i’ fosse foco…)
(Cecco Angiolieri Siena 1260 circa – Siena 1312)

S’i’ fosse foco, arderéi ‘l mondo;
s’i’ fosse vento, lo tempesterei;
s’i’ fosse acqua, i’ l’annegherei;
s’i’ fosse Dio, mandereil’en profondo;

s’i’ fosse papa, sare’ allor giocondo,
ché tutti cristïani imbrigherei;
s’i’ fosse ’mperator, sa’ che farei?
A tutti mozzarei lo capo a tondo.

S’i fosse morte, andarei da mio padre;
s’i’ fosse vita, fuggirei da lui:
similemente farìa da mi’ madre.

S’i’ fosse Cecco, com’i’ sono e fui,
torrei le donne giovani e leggiadre:
e vecchie e laide lasserei altrui.

Altri brani di Fabrizio De André: Khorakhané (A Forza Di Essere Vento)La canzone del Maggio (censurata)La canzone dell’amore perdutoLa Guerra Di PieroPreghiera in gennaioUn blasfemo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti