La giovane ebrea al suo amato musulmano

  Giornata Internazionale di Solidarietà con il Popolo Palestinese

La giovane ebrea al suo amato musulmano
(Mario Luzi Firenze 20/10/1914 – Firenze 28/2/2005)

C’è una pozza di sangue tra te e me.
Mio Dio, chi l’ha versato?
chiunque sia stato,
caro, è sangue sprecato.
Ma io so che l’amore
mio, se mi aprirai le braccia,
potrà vederlo asciugato.
Vieni, non tardare.

Dello stesso autore: Giocano al ribassoMénageMuore ignominiosamente la repubblicaVersi d’ottobre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti