La canna e il vento

La canna e il vento
(Sherko Bekas n. a Sulaimaniya nel Kurdistan iracheno il 2/5/1940)

Non era mai accaduto.
Nel boschetto
gli alberi erano tutti innamorati
di una canna
una cannuccia sottile
che amava invece il vento,
il vento che porta la pioggia.

Così il boschetto l’aveva ripudiata.

La canna innamorata
rispose: "Per me, questo va bene".
Voi, state pure tutti da una parte,
ché dall’altra c’è il vento della pioggia.
Così vuole il mio cuore.

Il boschetto, offeso,
sentenziò la morte
per quell’innamorata dagli occhi di rugiada.
Chiamò il picchio dal becco forte,
e il picchio colpì nel cuore
tre, quattro, cinque volte
nel cuore della piccola canna.

Da quel giorno
la canna innamorata divenne flauto
e da quel giorno
le ferite degli amanti
parlano con le dita del vento
e cantano,
ovunque nel mondo,
da quel giorno.

(Da: "Canti d’amore e di libertà del popolo kurdo")

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti