In quell’istante, sul metrò affollato

In quell’istante, sul metrò affollato
(Titos Patrikios n. ad Atene, Grecia il 21/5/1928)

Gli anni poi passeranno
masse di monti e pietra si frapporranno
tutto sarà dimenticato
come si dimentica il cibo quotidiano
che ci tiene in piedi.
Tutto, tranne quell’istante
in cui sul metrò affollato
ti aggrappasti al mio braccio.

(da: Nuove poesie d’amore, Crocetti Editore)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti