In quell’istante, sul metrò affollato

In quell’istante, sul metrò affollato
(Titos Patrikios n. ad Atene, Grecia il 21/5/1928)

Gli anni poi passeranno
masse di monti e pietra si frapporranno
tutto sarà dimenticato
come si dimentica il cibo quotidiano
che ci tiene in piedi.
Tutto, tranne quell’istante
in cui sul metrò affollato
ti aggrappasti al mio braccio.

(da: Nuove poesie d’amore, Crocetti Editore)

Asparago bianco

Asparago bianco
(Sujata Bhatt n. ad Ahmedabad, India il 6/5/1956)

Chi parla mai delle forti correnti
che scorrono nelle gambe, nei seni
di una donna incinta
al quarto mese?

È giovane, è la sua prima volta
è snella e la nausea è passata.
La pancia comincia a farsi tonda
i seni prudono tutto il giorno,

ed è sorpresa che quello che vuole
è lui
di nuovo dentro di lei.
Oh vieni come un cavallo, vorrebbe dire,
muoviti come un cane, un lupo,
diventa un poppante cucciolo di leone.

Vieni qui, e qui, e qui,
ma nuota veloce e non ti fermare.

Chi parla mai del verde utero noce di cocco
i muscoli scoscesi, una profonda risacca
e il verde latte di cocco che sigilla
il suo pozzo, però scorre e la bagna
al suo tocco più lieve?

Chi capisce la logica
dietro questo desiderio?
Chi parla della montante marea
che risveglia
il suo sangue che lentamente ingrossa?
E la fame
cruda ossessione che nasce
dalla forma dell’asparago
bianco per mancanza di sole e venato di ombre porporine,
ne compra tre chili
di quelli grossi, più spessi di qualunque dito,
ne accarezza le teste seriche
alcune allegramente incappucciate…
perfino l’odore la fa eccitare.

Chernobyl e Berlino

 26/4/1986 – 26/4/2012
25 anni dal Disastro di Chernobyl

Chernobyl e Berlino
(John Giorno n. a New York, USA nel 1936)

Ero a Berlino
la settimana dopo
Chernobyl,
e fummo colti
incessantemente
dalla tiepida
pioggia
primaverile,
grandi
grosse
gocce di pioggia
cariche di
radioattività
che mi schizzavano
sul viso
e mi colavano giù
dai capelli
e nelle labbra
ancora
e ancora
ancora,
grandi grosse
gocce di pioggia
ingioiellate
di radioattività
inzupparono
questa nera
giacca
di pelle
che sto indossando
stasera,
grossi
grappoli
bagnati
nella morbide
nere spalle
di cuoio,
100.000 ryms,
la indosso solo
in speciali
occasioni,
mi sento come
Luigi XIV,
ho trovato un cappotto
trapuntato di
10.000 diamanti,
e mi è andata
bene.

Mio padre è morto a 18 anni partigiano

25/4/1945 – 67° ANNIVERSARIO DELLA RESISTENZA E DELLA GUERRA DI LIBERAZIONE

Mio padre è morto a 18 anni partigiano
(Roberto Lerici Firenze 14/3/1931 – Roma 6/3/1992 e
Gigi Proietti n. a Roma il 2/11/1940)

Mi’ padre è morto partigiano
a diciott’anni fucilato ner nord, manco so dove;
perciò nun l’ho mai visto, so com’era
da quello che mi’ madre me diceva:
giocava nella Roma primavera.

Mo l’antra notte, mentre che dormivo,
sarà stato due o tre notti fa,
m’e’ parso de svejamme all’improvviso
e de vedello, come fusse vero;
sulla faccia c’aveva un gran soriso,
che spanneva ‘na luce come un cero.

– Ammazza, come dormi – m’ha strillato,
era proprio lui, ne so’ sicuro,
lo stesso della foto che mi’ madre
ciaveva sur comò, dietro na fronda
de palma tutta secca, benedetta,
un regazzino, che ride in camiciola,
cor fazzoletto rosso sulla gola.

Ma siccome sognavo i sogni miei,
pe’ la sorpresa j’ho chiesto: – Ma chi sei?-
– So’ tu’ padre – ma detto lui ridenno
– forse che te vergogni alla tua età
de chiamamme cor nome de papà? –

– No, papà, te chiamo come hai detto,
me fa ride vedette ar naturale,
scuseme tanto se me trovi a letto,
che voi sape’? Nun me posso lamenta’,
nun so’ un signore, trentadu’ anni,
davanti c’ho na vita,
ancora nun è chiusa la partita. –
Lo sai, da quanno mamma s’è sposata
co’ mi’ padre, che invece è er mi’ patrigno…
credo sett’anni dopo la tua morte… –

A ‘ste parole ho visto che strigneva un poco l’occhi,
come quanno se sta ar sole troppo forte.
– Scusa papa’, credevo lo sapessi –
Ma lui, ridenno senza facce caso,
spavardo, spenzierato, m’ha risposto:

– Ma che ne so io de quello che è successo,
io so’ rimasto come v’ho lassato,
quanno giocavo, giocavo, giocavo…
giocavo a calcio e mica me stancavo,
giocavo co’ tu madre e l’abbracciavo,
giocavo co’ la vita e nun volevo,
coi fascisti però nun ce giocavo,
io sparavo, sparavo, sparavo. –

Poi m’ha toccato i piedi dentro al letto
e ha fatto un cenno, come da di’ – Sei alto! –
– E dimmi – dice – prima d’anna’ via,
che n’hai fatto della vita
che t’ho dato giocanno co la mia…
Vojo sape’ sto monno l’hai cambiato?
Sto gran paese l’avete trasformato?
L’omo novo è nato o nun è nato?
In qualche modo c’avete vendicato?
– e rideva co’ l’occhi, coi capelli,
sembrava quasi lo facesse apposta.
Me sfotteva, capito, quer puzzone
rideva e aspettava la risposta.

– Ma tu che voi co’ tutte ‘ste domanne?
Mo’ perché sei mi’ padre t’approfitti.
Tu m’hai da rispetta’, io so’ più grande!
Va beh adesso accampi li diritti
perché sei partigiano fucilato…
ma se me fai sveja’ io t’arisponno,
mabbasta solo che aripijo fiato.

Certo che la vita è migliorata!
Avemo pure fatto l’avanzata.
Travolgente hanno scritto sui giornali. –

– Mejo così – me fa – se vede che è servito…
vedi quanno che m’hanno fucilato
Nun ho strillato le frasi de l’eroi
pensavo a voi che sullo stesso campo
avreste certo vinto la partita
pure che io perdevo er primo tempo. –

– No, un momento papà, te spiego mejo…
nun è che avemo proprio già risorto
nella misura in cui ci sta er risvorto emh…
E allora quer ragazzo de mi’ padre
che stava a pettinasse nello specchio
s’arivorta me fissa e me domanna:
– Ma insomma, adesso er popolo comanna?-

Qui so zompato sur letto, co’ na mano
m’areggevo le mutanne, co’ l’altra
cercavo de toccallo, e nun potevo.
Allora j’ho parlato,
perché m’aveva preso come ‘na malinconia
e nun volevo che se ne annasse via
prima de sape’ bene come è stato.

– Sei ragazzo, papa’, come te spiego
nun poi capi’ come cambia er monno..
Ce vole tempo, er tempo se li magna
i sogni nostri, io, sai che faccio, aspetto!
Tutto quello che viene, io l’accetto,
semo contenti se la Roma segna,
li compagni so’ tanti e li sordi pochi…
e nun ce sta più tempo pe’ li giochi! –

– Ma so’ sempre quelli te strappano le penne,
ma tu nun poi capi’ papa’, sei minorenne,
se eri vivo te daveno trent’anni,
mejo che torni da dove sei venuto,
perché quelli che t’hanno fucilato,
proprio quelli lì qui te fanno mori’ tutti li giorni!
Lassa perde papà, qui nun e’ aria,
semo cresciuti…nun semo piu’ bambini,
torna a gioca’ co’ l’artri regazzini
che hanno fatto come hai fatto tu,
noi semo seri…e nun giocamo più.

A ‘sto punto mi padre s’e’ stufato,
ha fatto du’ spallucce, un saluto,
s’è rimesso in saccoccia la sua gloria
e vortanno le spalle se n’e’ annato
ripetendo nel vento la sua storia:

– Ma che ne so io de quello che è successo,
io so’ rimasto come v’ho lassato,
quanno giocavo, giocavo, giocavo…
giocavo a calcio e mica me stancavo,
giocavo co’ tu’ madre e l’abbracciavo,
giocavo co’ la vita e nun volevo,
coi fascisti io però nun ce giocavo…
io sparavo, sparavo, sparavo.

Confessione

Confessione
(Karin Boye Göteborg, Svezia 26/10/1900 – Alingsås, Svezia 24/4/1941)

Non sono nata per fare la ribelle
Eppure sono costretta ad esserlo.
Perché il mio destino non è mio soltanto?
Perché mi abbarbico in esso?
Oppure, se ora devo battermi,
perché accade con dolore?
Perché non a suon di musica,
quando infine sono costretta ad osare?

Sangue del mio sangue, voi che mi avete giudicato duramente
E mi avete ripudiato nella vergogna,
sapevo bene, quando sono stata respinta,
che avevo violato un tutto,
sentivo una comunione santa
dietro le parole di condanna,
sapevo con angoscia: voi siete io –
e m’inchinavo.

Ma dov’ero e mi credevo muta,
udivo gemere la tenebra.
Anime dal luogo delle stesse sofferenze
Respiravano al mio fianco.
Udivo il mio stesso grido d’aiuto
Alzarsi dai deserti più assoluti,
sapevo con angoscia: io sono voi –
e non potevo tacere.

Vile, vile, tre volte vile
Devo però combattere,
cadere a terra e rialzarmi
con tutti i miei nervi in pezzi,
devo sentire come ferro rovente
i giudizi di chi è inesorabile –
e seguire e seguire un fuoco bruciante,
che fiorisce nella tenebra.

Sonetto CXVI

Sonetto CXVI
(William Shakespeare Stratford-upon-Avon, Regno Unito 23/4/1564 – Stratford-upon-Avon, Regno Unito 23/4/1616)

Non sarà che alle nozze di anime costanti
che io ammetta impedimenti. Amore non è Amore,
che muta quando scopre mutamenti
o a separarsi inclina quando altri si separa.

Oh no! è un faro irremovibile,
che mira la tempesta e mai ne viene scosso;
è l’astro cui si volge ogni errabonda nave,
remoto in suo valore, pur se il suo luogo noto.

Zimbello esso non è del Tempo, anche se rosee labbra
e guance, sian raggiunte dalla sua curva falce,
non si altera amore per ore e per giorni brevi,

ma impavido resiste fino all’abisso estremo.
Se questo è errore, e contro me si provi,
io mai non ho scritto, e mai nessuno ho amato.

La morte è un fiore

La morte è un fiore
(Paul Celan Cernăuţi, Ucraina 23/11/1920 – Parigi, Francia 20/4/1970)

La morte è un fiore che una sola volta
fiorisce
ma fiorisce come nient’altro fiorisce
fiorisce appena lo vuole,
non fiorisce nel tempo,
essa viene, una grande falena
che adorna steli cedevoli
tu lasciami essere uno stelo
così forte che la rallegri.

Ti vidi piangere

Ti vidi piangere
(George Gordon Byron Londra, Regno Unito 22/1/1788 – Missolungi, Grecia 19/4/1824)

Ti vidi piangere: la grande lacrima lucente
Coprì quell’occhio azzurro
E poi mi parve come una viola
Stillante rugiada.

Ti vidi sorridere: la vampa di zaffiro
Accanto a te cessò di brillare;
Non poteva eguagliare i raggi che affollavano
Vividi quel tuo sguardo.

Come le nubi dal sole lontano
Ricevono un colore intenso e caldo
Che a stento l’ombra della sera vicina
Può cacciare dal cielo,

Quei sorrisi infondono nell’animo
Più triste gioia pura;
Il loro sole lascia dietro un fuoco
Che risplende sul cuore.

Blues dell’acqua pesante

Blues dell’acqua pesante
(Bob Kaufman New Orleans, Louisiana, USA 18/4/1925 – San Francisco, California, USA 12/1/1986)

La radio insegna il jujitsu al mio pesce rosso
Sono innamorato di una pescatrice-sub che vive sott’acqua,
I miei vicini sono linguisti ubriachi & io parlo farfalla,
La compagnia elettrica minaccia di scollegarmi il cervello,
Il postino continua a ficcarmi dei porno nella buca,
Mi è morto lo specchio, & non so se faccio ancora riflesso,
Gli occhi li ho messi a dieta, le mie lacrime stanno prendendo troppo peso.

Ho attraversato il deserto in taxi
solo per essere chiuso in una piramide
Con la faccia di un cane
sul mio fiato

Sono andato a un ballo in maschera
Travestito da me stesso
Riconosciuto
Da nessuno dei miei amici

Ho sognato di andare a un party poetico di John Mitchell
col mio cervello in forma virginale

Metti l’argento nel fornello del barbecue
I cinesi ci bombardano di atomici
Ristoranti

La radio insegna il jujitsu al mio pesce rosso
La mia vecchia si è messa a far la sub & dorme sott’acqua
Vado in giro con un linguista ubriaco, che parla la farfalla
E rappresenta l’industria dei bruchi cingolati a Washington D.C.

Non capisco mai i desideri o le speranza degli altri,
finché non coincidono coi miei, poi ci scontriamo.

Ho la prova schiacciante che la cultura dei cavernicoli
sia scomparsa per la loro incapacità di produrre riviste
distribuibili da un ragazzino in bici.

Non leggere tutti questi libroni sulla vita di Dio,
si dovrebbe osservare che sono stati scritti da uomini.

E’ giustissimo scagliare la prima pietra,
se ne hai qualche altra nelle tasche.

Televisione, ultima consolazione americana dal cruccio degli indiani.

Spero che quando vinceranno le macchine,
non costruiranno uomini che si rompano,
subito dopo essere stati pagati.

rifiuterò di andare sulla luna,
a meno che mi vaccinino, contro
i pericoli dell’amore indiscriminato.

Dopo aver traversato il deserto in taxi,
si scoprì chiuso dentro una piramide
con la faccia di un cane sul suo fiato.

La ricerca del termine cerchio,
costante occupazione dei quadrati.

Perché non smettono di lanciare simboli,
l’aria è abbastanza affollata di echi.

Proprio quando ho pulito la mangiatoia per i maghi
si sono presentati i toporagni dirimpetto.

La voce della radio gridava, alzati
fai qualcosa a qualcuno, ma io & mio figlio
ridevamo nella stanza ammobiliata.

La canzone dell’amore perduto

La canzone dell’amore perduto
(
Fabrizio De André Genova 18/2/1940 – Milano 11/1/1999)

Ricordi sbocciavan le viole
con le nostre parole:
"Non ci lasceremo mai, mai e poi mai".

Vorrei dirti, ora, le stesse cose
ma come fan presto, amore, ad appassire le rose,
così per noi.

L’amore che strappa i capelli è perduto ormai,
non resta che qualche svogliata carezza
e un po’ di tenerezza.

E quando ti troverai in mano
quei fiori appassiti al sole
d’un aprile ormai lontano,
li rimpiangerai.

Ma sarà la prima che incontri per strada
che tu coprirai d’oro per un bacio mai dato,
per un amore nuovo.