Il bimbo ed io

Il bimbo ed io
(Martinus Nijhoff L’Aia, Paesi Bassi 20/4/1894 – L’Aia, Paesi Bassi 26/1/1953)

Volevo un giorno andare a pesca,
ero avvilito.
Sull’acqua feci con le mani
un largo tra le erbe di palude.

Luce affiorò dal fondo
nero con riflessi di specchio.
Laggiù vidi un giardino intatto
e nel giardino un bimbo.

Sedeva nel suo banco,
scriveva su una lavagna.
La parola sotto la sua mano
riconobbi, era mia.

Allora egli ha scritto
senza fretta e senza timore
tutto ciò che spero di scrivere
una volta, mentre ancora vivo.

E quando assentivo di saperlo
faceva tremolare l’acqua
e lo scritto era cancellato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *