Pasqua Bbefania

Pasqua Bbefania
(
Giuseppe Gioachino Belli Roma 7/9/1791 – Roma 21/12/1863)

La viggijja de pasqua bbefania

La bbefana, a li fijji, è nnescessario
de fajjela domani eh sora Tolla?
In giro oggi a ccrompà cc’è ttroppa folla.
A li mii je la fo nne l’ottavario.

A cchiunque m’accosto oggi me bbolla:
e ccom’a Ssant’Ustacchio è cqui ar Zudario.
Dunque pe st’otto ggiorni io me li svario;
e a la fine, se sa, cchi vvenne, ammolla.

Azzeccatesce un po’, d’un artarino
oggi che ne chiedeveno? Otto ggnocchi;
e dd’una pupazzaccia un ber zecchino.

Mó oggnuno scerca de cacciavve l’occhi;
ma cquanno sémo ar chiude er butteghino,
la robba ve la dànno pe bbajocchi.

La vigilia di Pasqua Epifania

La befana (cioè i doni che si fanno per l’Epifania), ai figli, è necessario
fargliela domani eh signora Tolla (dim. di Vittoria)?
In giro oggi a comperare c’è troppa folla.
Ai miei figli gliela faccio tra otto giorni.

Qualunque bottega a cui mi avvicino oggi, mi dà una batosta:
è così ovunque, a Sant’Eustachio come qui al Sudario.
Dunque per questi otto giorni io li distraggo (i figli, con qualche scusa);
e alla fine, si sa, chi vende deve cedere.

Indovinate un po’ per un altarino
oggi che cosa m’hanno chiesto? Otto scudi;
e per una bambola scadente un bello zecchino.

Ora ognuno cerca di cavarvi gli occhi (prendervi per il collo);
ma quando saremo alla chiusura del botteghino,
la roba ve la danno per pochi baiocchi.

La notte de pasqua bbefania

«Mamma! mamma!». «Dormite». «Io nun ho ssonno».
«Fate dormí cchi ll’ha, ssor demonietto».
«Mamma, me vojj’arzà». «Ggiú, stamo a lletto».
«Nun ce posso stà ppiú; cqui mme sprofonno».

«Io nun ve vesto». «E io mó cchiamo Nonno».
«Ma nun è ggiorno». «E cche mm’avevio detto
che cciamancava poco? Ebbè? vv’aspetto?»
«Auffa li meloni e nnu li vonno!».

«Mamma, guardat’un po’ ssi cce se vede?»
«Ma tte dico cch’è nnotte». «Ajo!». «Ch’è stato?»
«Oh ddio mio!, m’ha ppijjato un granchio a un piede».

«Via, statte zzitto, mó attizzo er lumino».
«Sí, eppoi vedete un po’ cche mm’ha pportato
la bbefana a la cappa der cammino».

La notte di Pasqua Epifania.

Mamma! mamma! – Dormite. – Io non ho sonno.
Fate dormire chi ce l’ha, signor demonietto.
Mamma, mi voglio alzare. – Giù, stiamo a letto.
Non ci posso stare più; qui mi sprofondo.

Io non vi vesto. – E io ora chiamo nonno.
Ma non è giorno! – E che mi avevate detto,
che ci mancava poco? Ebbene? Vi aspetto?
Uffa, i meloni gratis, e non li vogliono! (Gioco di parole, tra "uffa" della madre spazientita e auffa, a ufo, cioè gratis, del verso dei venditori di meloni. Ma come – dice la madre al bambino – ti permetto di stare a letto più a lungo, cosa sempre desiderata da ogni bambino, te compreso, e tu non vuoi? ).

Mamma, guardate un po’ se ci si vede (cioè se fuori c’è luce, se è già l’alba).
Ma ti dico ch’è notte. – Ahi! – Ch’è stato?
Oh dio mio!, m’ha preso un crampo a un piede.

Via, – Sta’ zitto, ora accendo il lumino.
Sì, e poi vedete un po’ che cosa mi ha portato
la befana a la cappa del camino.

La matina de pasqua bbefania

Ber vede è da per tutto sti fonghetti,
sti mammocci, sti furbi sciumachelli,
fra ’na bbattajjeria de ggiucarelli
zompettà come spiriti folletti!

Arlecchini, trommette, purcinelli,
cavallucci, ssediole, sciufoletti,
carrettini, cuccú, schioppi, coccetti,
sciabbole, bbarrettoni, tammurrelli…

Questo porta la cotta e la sottana,
quello è vvistito in càmiscio e ppianeta,
e cquel’antro è uffizzial de la bbefana.

E intanto, o pprete, o cchirico, o uffizziale,
la robba dorce je tira le deta;
e mmamma strilla che ffinissce male.

La mattina di Pasqua Epifania.

Vezzeggiativi usati per descrivere i bambini
questi marmocchi, questi furbetti,in mezzo a tanti giocattoli
zompettare felici come folletti.

Arlecchini, trombette, pulcinetti
cavallucci, seggioline, ciufoletti (flauti),
cuccù = scatole con dentro pupazzi a molla
spade finte, cappelloni, tamburelli…

Andavano in giro mascherati,
anche come
fossero piccoli preti
o con dei camicioni

Intanto, qualunque sia il travestimento,
tutti sono attirati dai dolciumi
mentre le mamme cercano di limitarli.

6 gennaio 1845

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti