Terra.. Terra!…

Terra.. Terra!…
(Cesare Pascarella Roma 28/4/1858 – Roma 8/5/1940)

XXI

E io ne la mi’ piccola ignoranza
Me c’investo. Fa’ tutto quer cammino…
Arivà’ in arto mare… Arivà’ insino…
Insino… a quela straccio de distanza,

E védete la morte in lontananza!
Volé’ vive’, e sentitte lì vicino,
Ne l’orecchie, la voce der distino
Che te dice: lassate ‘gni speranza!

Ma pensa, quer che deve avé’ sofferto
Quell’omo immassimato in quer pensiero,
De di’: la terra c’è!… Sì!… Ne so’ certo!…

E lì, sur punto d’èssece arivato,
Esse’ certo, percristo!, ch’era vero,
E dové’ di’: va be’, me so’ sbajato!

XXII

Ma lui che, quanto sia, già, c’era avvezzo
A parlà’ pe’ convince’ le persone,
Je fece, dice: – Annamo, co’ le bone,
Venite quì… spaccamo er male in mezzo…

È vero, sì, se tribola da un pezzo…
Percui per arisorve’ ‘sta quistione
Nun c’è antro che fa’ ‘sta convenzione
Che a me me pare sia l’unico mezzo:

Che noi p’antri du’ giorni annamo avanti,
E si proprio, percristo!, nun c’è gnente
Se ritrocede indietro tutti quanti.

Ve capacita? – Quelli ce pensorno…
Be’, dice, so’ du’ giorni solamente…
Be’ je fecero: annamo!… E seguitorno.

XXIII

Ma lui, capischi, lui la pensò fina!
Lui s’era fatto già l’esperimenti,
E dar modo ch’agiveno li venti,
Lui capì che la terra era vicina;

Percui, lui fece: intanto se cammina,
Be’ dunque, dice, fàmeli contenti
Chè tanto quì se tratta de momenti.
Defatti, come venne la matina,

Terra.. Terra!… Percristo!… E tutti quanti
Rideveno, piagneveno, zompaveno…
Terra.. Terra!.. Percristo!.. Avanti.. Avanti!

E lì, a li gran pericoli passati
Chi ce pensava più?… S’abbraccicaveno
Se baciaveno….. C’ereno arrivati!

(da: La scoperta de l’America, 1937)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti