Il passaggio dei sensi

Il passaggio dei sensi
(A’isha Arna’ut n. in Siria nel 1946)

Dove finisce l’onda
e dove inizia il mare?

Dove finisce il corpo
e dove iniza l’ombra?

Dove finiscono le tenebre
e dove iniza la luce?

Le parole respirano fuori dalla loro cornice
i sensi si increspano e si distendono
simili a un oceano di un cerchio
il cui centro è inesitente.

Non siamo altro che una
delle probabilità dell’esistenza.

La nostra vita
è un buffo insieme di dubbi
un equivoco di possibilità concesse.

Mi rivolgo a ciò che è informe
procedo verso il nascondiglio.

Quando cercherò di raccogliere l’esperienza?
Come potrò trovare l’imbarcazione?
nell’annullamento del tempo e dello sviluppo che retrocede?

La luce non ha forma
l’onda non ha confini
l’io non ha facciate
la passione non ha orrizzonti.

Sii luce
onda
passione.

Sii te stesso.

(Da: "Non ho peccato abbastanza", antologia di poetesse arabe contemporanee)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *