‘A livella

‘A livella
(Antonio De Curtis in arte Totò Napoli, 15/2/1898 – Roma, 15/4/1967)

Ogn’anno, il due novembre, c’é l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn’anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

St’anno m’é capitato ‘navventura…
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo, e che paura!,
ma po’ facette un’anema e curaggio.

‘O fatto è chisto, statemi a sentire:
s’avvicinava ll’ora d’à chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l’11 maggio del’31".

‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…
…sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;
tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
pe’ segno, sulamente ‘na crucella.

E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro – netturbino":
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo…
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s’aspettava
ca pur all’atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s’era ggià fatta quase mezanotte,
e i’rimanette ‘nchiuso priggiuniero,
muorto ‘e paura… nnanze ‘e cannelotte.

Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato… dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia; era ‘o Marchese:
c’o’ tubbo, ‘a caramella e c’o’ pastrano;
chill’ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu ‘nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro…
‘omuorto puveriello… ‘o scupatore.
‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
so’ muorte e se ritirano a chest’ora?

Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
s’avota e tomo tomo… calmo calmo,
dicette a don Gennaro: "Giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va, si, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, si, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d’uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente"

"Signor Marchese, nun è colpa mia,
i’nun v’avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,
i’ che putevo fa’ si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
e proprio mo, obbj’… ‘nd’a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n’ata fossa".

"E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé… – piglia sta violenza…
‘A verità, Marché, mme so’ scucciato
‘e te senti; e si perdo ‘a pacienza,
mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!…

Ma chi te cride d’essere… nu ddio?
Ccà dinto, ‘o vvuo capi, ca simmo eguale?…
…Muorto si’tu e muorto so’ pur’io;
ognuno comme a ‘na’ato é tale e quale".

"Lurido porco!… Come ti permetti
paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua’ Natale… Pasca e Ppifania!!!
T”o vvuo’ mettere ‘ncapo… ‘int’a cervella
che staje malato ancora e’ fantasia?…
‘A morte ‘o ssaje ched”e?… è una livella.

‘Nu rre, ‘nu maggistrato, ‘nu grand’ommo,
trasenno stu canciello ha fatt’o punto
c’ha perzo tutto, ‘a vita e pure ‘o nomme:
tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò, stamme a ssenti… nun fa”o restivo,
suppuorteme vicino – che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
nuje simmo serie… appartenimmo à morte!"


Traduzione

 

Ogni anno il due novembre, c’è l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno deve fare questa riverenza;
ognuno deve avere questo pensiero.

Ogni anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado, e con dei fiori adorno
la tomba di marmo di zia Vincenza.

Quest’anno mi è successa un’avventura…
dopo aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! Se ci penso, che paura!,
ma poi mi feci animo e coraggio.

Il fatto è questo, statemi a sentire:
si avvicinava l’ora della chiusura:
io, calmo calmo, stavo per uscire
buttando un occhio su qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l’undici maggio del trentuno".

Lo stemma con la corona sopra a tutto…
…sotto una croce fatta di lampadine;
tre mazzi di rose con una scritta a lutto:
candele, candelotti e sei lumini.

Proprio affianco alla tomba di questo signore
c’ era un’ altra tomba piccolina,
abbandonata, senza neanche un fiore;
per segno, solamente una crocetta.

E sulla croce appena si leggeva:
"Esposito Gennaro – netturbino"
guardandola, che pena mi faceva
quel morto senza neanche un lumino!

Questa è la vita! Pensavo nella mia testa…
chi ha avuto tanto e chi non ha avuto niente!
Questo povero accidenti si aspettava
che anche all’altro mondo sarebbe stato un pezzente?

Mentre fantasticavo questo pensiero,
si era fatta quasi mezzanotte,
e rimasi chiuso prigioniero,
morto di paura… davanti ai candelotti.

Tutto d’un tratto, cosa vedo da lontano?
Due ombre avvicinarsi verso di me…
Pensai: questo fatto mi sembra strano…
sono sveglio… dormo o è fantasia?

Altro che fantasia; era il Marchese:
con il cilindro, la lente e col soprabito;
quello alle sue spalle una persona messa male;
sporco e con una scopa in mano.

Quello certamente è don Gennaro…
il morto poverello… lo spazzino.
In questo fatto non ci vedo chiaro:
sono morti e rientrano a quest’ora?

Potevano stare quasi ad un palmo da me,
quando il Marchese si ferma all’improvviso,
si volta lento lento… calmo calmo,
disse a Don Gennaro: "Giovanotto!

Da voi vorrei sapere, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellire, per mia vergogna,
accanto a me che sono un blasonato!

La casta è casta e va, sicuramente, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, sicuramente, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
è opportuno, quindi, che cerchiate una fossa
tra i vostri pari, tra la vostra gente"

"Signor Marchese, non è colpa mia,
io non vi avrei fatto questo torto;
e stata mia moglie a fare questa sciocchezza,
io cosa potevo fare se ero morto?

Se fossi vivo vi farei contento,
prenderei la bara con le quattro ossa
e proprio ora, vede… in questo momento
entrerei in un altra fossa".

"E cosa aspetti, o turpe malcreato,
che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un blasonato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Fammi vedere… – prendi questa violenza…
La verità, Marchese, mi sono stancato
di sentirti; e se perdo la pazienza,
mi dimentico che sono morto e sono botte!…

Ma chi ti credi di essere… un Dio?
Qua dentro, lo vuoi capire, che siamo uguali…
Morto sei tu e morto sono anch’io;
ognuno è uguale ad un altro".

"Lurido porco!… Come ti permetti
paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu quale Natale… Pasqua e Epifania!!!
Te lo vuoi mettere in testa? nel cervello
che sei malato ancora di fantasia?…
La morte sai cos’è?… è una livella.

Un re, un magistrato, un grand’uomo,
varcando questo cancello ha fatto conto
che ha perso tutto, la vita e pure il nome:
tu non ti sei fatto ancora questo conto?

Perciò, stammi a sentire… non fare il restio,
sopportami vicino – che t’importa?
Queste pagliacciate le fanno solo i vivi:
noi siamo seri… apparteniamo alla morte!"

Il mare va a ritroso

Il mare va a ritroso
(Vladimir Vladimirovič Majakovskij Bagdadi, Georgia 7/7/1893 – Mosca, Russia 14/4/1930)

Il mare va a ritroso
il mare va a dormire.
Come suol dirsi,
"l’incidente è chiuso",
la barca dell’amore
è naufragata contro il quotidiano.
Fra noi due siamo pari
e non serve elencare
i dolori reciproci,
le sventure
e le offese.

E tu cosa dirai?

E tu cosa dirai?
(Joseph Seamon Cotter Bardstown, USA 2/2/1861 – Louisville, USA 14/3/1949)

Vieni, fratello!
Andiamo dal nostro Dio.
E quando Gli saremo davanti
io dirò:
"Signore, io non odio,
io sono odiato.
Io non frusto nessuno,
io vengo frustato.
Io non desidero terre,
le mie terre sono desiderate.
Io non mi beffo della gente,
la mia gente viene beffeggiata."
E tu, fratello, cosa dirai?

per caso mentre tu dormi…

per caso mentre tu dormi…
(Antonio Porta Vicenza 9/11/1935 – Roma 12/4/1989)

per caso mentre tu dormi
per un involontario movimento delle dita
ti faccio il solletico e tu ridi
ridi senza svegliarti
così soddisfatta del tuo corpo ridi
approvi la vita anche nel sonno
come quel giorno che mi hai detto:
lasciami dormire, devo finire un sogno

(20/8/1981)

(Da: Come può un poeta essere amato?)

Cos’era

Cos'era
(
Mark Strand n. negli USA l'11/4/1934 – Premio Pulitzer per la poesia 1999)

Era impossibile da immaginare, impossibile
da non immaginare; la sua azzurrezza, l'ombra che lasciava,
che cadeva, riempiva l'oscurità del proprio freddo,
il suo freddo che cadeva fuori da se stesso, fuori da qualsiasi idea
di sé descrivesse nel cadere; un qualcosa, una minuzia,
una macchia, un punto, un punto in un punto, un abisso infinito
di minuzia; una canzone, ma meno di una canzone, qualcosa che
affoga in sé, qualcosa che va, un'alluvione di suono, ma meno
di un suono; la sua fine, il suo vuoto,
il suo tenero, piccolo vuoto che colma la sua eco, e cade,
e si alza, inavvertito, e cade ancora, e così sempre,
e sempre perché, e solo perché, essendo stato, era…

Era l'inizio di una sedia;
era il divano grigio; era i muri,
il giardino, la strada di ghiaia; era il modo in cui
i ruderi di luna le crollavano sulla chioma.
Era quello, ed era altro ancora; era il vento che azzannava
gli alberi; era la congerie confusa di nubi, la bava
di stelle sulla riva. Era l'ora che pareva dire
che se sapevi in che punto esatto del tempo si era, non avresti
mai più chiesto nulla. Era quello. Senz'altro era quello.
Era anche l'evento mai avvenuto – un momento tanto pieno
che quando se ne andò, come doveva, nessun dolore riusciva
a contenerlo. Era la stanza che pareva la stessa
dopo tanti anni. Era quello. Era il cappello
dimenticato da lei, la penna che lei lasciò sul tavolo.
Era il sole sulla mia mano. Era il caldo del sole. Era come
sedevo, come attendevo per ore, per giorni. Era quello. Solo quello.

Se mi chiedete

Se mi chiedete
(
Aharon Shabtai n. a Tel Aviv, Israele 11/4/1939)

Se mi chiedete
Di dare la caccia a un ragazzo
A 150 metri di distanza
Con un fucile a cannocchiale,
Se mi chiedete di sedermi in un tank e
Dalle altezze della moralità ebraica,
Fare penetrare un obice
Nella finestra di una casa,
Mi toglierò gli occhiali
E borbotterò cortesemente:
"No, signori!
Rifiuto di spogliarmi
Per sguazzare con voi
In un bagno di sangue".
Se mi chiedete
Di tendere le orecchie
Perché voi ci caghiate dentro,
Scusandomi, dirò:
"No, grazie!
Le vostre parole puzzano,
Preferisco sedermi
Sull’asse del mio cesso!"
Meglio dunque che la smettiate,
Perché se vi ostinate,
Se continuate a insistere
Che io mi unisca alla vostra muta,
Per grugnire insieme,
Perché insieme ci rotoliamo
E ci facciamo tutti crescere addosso
Setole di porco,
E insieme affondiamo
Le nostre narici di lupi
Nella carne cruda,
Perderò la pazienza
E risponderò con fermezza:
"Signor Primo Ministro,
Onorevole Generale,
Sua Eccellenza Deputato…
Sua Santità il Rabbino,
Baciatemi il culo!"

Incontro

Incontro
(Karen Blixen Rungsted, Danimarca 17/4/1885 – Copenaghen, Danimarca 7/9/1962)

Ah, quando sei lontano e nessuno
più nomina il tuo nome –
quando ovunque mi rechi sento
cupo e gelido un vuoto –

comincio a credere che tu sia solo un sogno
nato dalle brame della mia mente,
e a questo sogno ho dato vita e nome
e in ultimo il tuo aspetto –

– ma quando poi ti vedo e posso
sentire ancora le tue forti parole,
e posarti ancora il capo sulla spalla –
ascoltare ancora il suono della tua voce –

allora so che il resto è solo notte,
malvagi sogni che presto scorderò,
so che tu mi porti nella luce
e che in te dimorano la vita e il giorno.

Nonostante tutto è Pasqua

Nonostante tutto è Pasqua

(Alessandra Cora Capri, NA 8/1/1986 – L'Aquila 6/4/2009 – Ferzan Özpetek n. ad Istanbul, Turchia 3/2/1959)

Video montato dal noto regista Ferzan Ozpetek, dedicato ad Alessandra Cora, una delle tante vittime del terremoto in Abruzzo del 06/04/2009. Immagini post terremoto con sottofondo della voce soave della dolce Alessandra.

Urlo

Urlo
(Allen Ginsberg Newark, USA 3/6/1926 – New York, USA 5/4/1997)

Ho visto le migliori menti della mia generazione
distrutte dalla pazzia, affamate, nudem isteriche
trascinarsi per strade di negri all'alba in cerca di droga rabbiosa
hipster dal capo d'angelo ardenti per l'antico contatto celeste
con la dinamo stellata nel macchinario della notte,
che in miseria e stracci e occhi infossati stavano su partiti a fumare nel buio soprannaturale di soffitte a acqua
fredda fluttuando nelle cime delle città, contemplando jazz
che mostravano il cervello al Cielo sotto la Elevated
e vedevano angeli Maomettani illuminati barcollanti su tetti di casermette
che si accucciavano in mutande in stanze non sbarbate bruciando denaro nella spazzatura
e ascoltando il Terrore attraverso il muro
Ho visto le migliori menti della mia generazione che mangiavano fuoco in hotel ridipinti
o bevevano trementina in Paradise Alley, morte, o si purgatoriavano il torace
notte dopo notte con sogni, con droghe, con incubi a occhi aperti, alcol e cazzo e balle-sballi senza fine,
che vagavan su e giù a mezzanotte per depositi ferroviari cheidendosi dove andare, e andavano, senza lasciare cuori spezzati,
Ho visto le migliori menti della mia generazione
che trombavano in limousine col cinese di Oklahoma su impulso invernale mezzonotturno illampionata pioggia di provincia,
che ciondolavano affamate e sole per Houston cercando jazz o sesso o zuppa,
e seguivan quel brillante spagnolo per coversar d'America e d'Eternità, tempo sprecato, e poi via per nave in Africa