Filastrocca popolare romana

 M’arzo ‘na mattina de bon’ora
P’annà a ffa colazione in terra piana
De vino me ne bevvi ‘na cantina
Centocinquanta botti a la romana
De pane ne magnai sette groste
Si nun scappava, me magnavo l’oste.
L’oste da la paura scappò via
E io restai padron dell’osteria
L’oste da la paura scappò ffora
E io restai co’ la sua fijola!




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti