Catarì

Catarì
(Salvatore Di Giacomo Napoli, 12/3/1860 – Napoli, 5/4/1934)

Marzo: nu poco chiove
e n’ato ppoco stracqua
torna a chiòvere, schiove;
Ie ‘o sole cu ll’acqua.

Mo nu cielo celeste,
mo n’aria cupa e nera,
mo d’ ‘o vierno ‘e ‘tempeste,
mo n’aria ‘e Primmavera.

N’auciello freddigliuso
aspetta ch’esce o sole,
ncopp’ ‘o tterreno nfuso
suspirano ‘e viole…

Catarì, che vuò cchiù?
Ntienneme, core mio,
Marzo, tu ‘o ssaje, si’ tu,
e st’auciello song’ io.

Traduzione:

Caterina

Marzo, un poco piove
e un altro poco smette:
torna a piovere, spiove,
ride il sole con l’acqua.

Ora un cielo celeste,
ora un’aria cupa e nera:
ora le tempeste dell’inverno,
ora un’aria di primavera.

Un uccello infreddolito
aspetta che esca il sole:
sulla terra umida
sospirano le viole.

Caterina, cosa vuoi più?
Comprendimi, cuore mio,
Marzo, lo sai, sei tu,
e quest’uccellino sono io.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *