Se potrò bloccare un Cuore dallo spezzarsi…

J919 (1864) / F982 (1865) (Emily Dickinson Amherst, USA 10/12/1830 – Amherst, USA 15/5/1886)   Se potrò bloccare un Cuore dallo spezzarsi Non sarò vissuta invano Se potrò alleviare di una Vita il Soffrire O smorzare una Pena O aiutare un languente Pettirosso Di nuovo verso il suo Nido Non sarò vissuta invano.

Se devi amarmi

Se devi amarmi (Elizabeth Barrett Browning Durham, Regno Unito 6/3/1806 – Firenze 29/6/1861) Se devi amarmi, amami per nulla solo nel nome dell’amore. Non dire: “L’amo per il sorriso, per lo sguardo, per il modo dolce di parlare, per un atteggiamento di pensiero che ben s’adatta al mio, e che certo causò un senso di gradevole […]

Il silenzio

Il silenzio (Pablo Neruda Parral, Cile 12/7/1904 – Santiago, Cile 23/9/1973 – Premio Nobel per la letteratura 1971)   Ora contiamo fino a dodici e rimaniamo tutti quieti. Per una volta sulla terra non parliamo in nessuna lingua, per un secondo fermiamoci, non muoviamo tanto le braccia. Sarebbe un minuto fragrante, senza fretta ne’ locomotive, […]

Quell’unico sguardo…

Quell’unico sguardo… (di Ivan Achmet’ev)     Quell’unico sguardo ebbe innumerevoli conseguenze   innumerevoli sguardi innumerevoli abbracci innumerevoli baci innumerevoli giuramenti di fedeltà sino alla tomba.

Per molti giorni…

Per molti giorni… (Rabindranath Tagore Calcutta, India 7/5/1861 – Santiniketan, India 7/8/1941 – Premio Nobel per la letteratura 1913)   Per molti giorni, per molte miglia, con molte spese, per molti paesi, sono andato a vedere i monti, sono andato a vedere il mare. Ma a due passi da casa, quando ho aperto gli occhi, […]

Mani pulite

Mani pulite (José Saramago n. ad Azinhaga, Portogallo il 16/11/1922 – Premio Nobel per la letteratura 1998) Dal gesto di ammazzare con le mani il modo di impastare non diverge (che bello ch’è il progresso, che sollievo: col pulsante qui a destra, eccoti il pane, col pulsante a sinistra, facilmente, anche senza mirare, lancio il […]

Partono gli emigranti

canta Giovanna Marini     Partono gli emigranti (di Alfredo Bandelli 1945-1994)   Non piangere bella se devo partire se devo restare lontano da te non piangere bella non piangere mai che presto vedrai ritorno da te.   Addio alla mia terra addio alla mia casa addio a tutto quello che lascio quaggiù o tornerò […]

Canzoniere – sonetto LXI

Canzoniere – sonetto LXI (Francesco Petrarca Arezzo 20/7/1304 – Arquà, PD 18-19/7/1374) Benedetto sia ‘l giorno, e ‘l mese, e l’anno, e la stagione, e ‘l tempo, e l’ora, e ‘l punto, e ‘l bel paese, e ‘l loco ov’io fui giunto da’ duo begli occhi che legato m’hanno; e benedetto il primo dolce affanno […]

La spiaggia

La spiaggia (Titos Patrikios n. ad Atene, Grecia il 21/5/1928) Non ero sprofondato per sempre nelle acque nere, con difficoltà risalii in superficie vidi il cielo risplendere e non mi preoccupai più del passato incompiuto, non tentai più di aggrapparmi a un futuro pianificato. Nuotai fino alla spiaggia piena di gente, rumorosa, e mi sdraiai […]

Ciò che occorre è un uomo

Ciò che occorre è un uomo (Carlo Betocchi Torino 23/1/1899 – Bordighera, IM 25/5/1986) Ciò che occorre è un uomo non occorre la saggezza, ciò che occorre è un uomo in spirito e verità; non un paese, non le cose ciò che occorre è un uomo un passo sicuro e tanto salda la mano che […]

Vai alla barra degli strumenti